IL CUSCINO PERFETTO….come sceglierlo?

By | febbraio 17, 2016

loud-noise-300x199Continui a comprare cuscini nuovi ma vanno a finire tutti dentro l’ armadio e torni ad usare il tuo vecchio cuscino ?

Tranquillo è normalissimo. Tanti come te continuano a non trovare pace cambiando cuscini su cuscini buttando via un sacco di soldi inutilmente e riempiendo interi armadi. Questo accade per 2 semplici motivi:

  1. Si comprano cuscini a caso presso la grande distribuzione pensando erroneamente che siano tutti uguali.
  2. Non si tiene conto del tipo di materasso sul quale lo si andrà ad utilizzare, alle proprie caratteristiche fisiche e alle abitudini posturali che si assumono durante il sonno.

In parole povere si compra il cuscino a caso fidandosi delle descrizioni miracolose riportate sulla confezione e senza l’ aiuto di un professionista del settore.

Si entra poi in un circolo vizioso in quanto non si da la colpa al processo di acquisto ma alla tipologia di cuscino acquistato. Ci si rivolge quindi ad un negozio per comprarne un altro e si escludono a priori tutti quelli già comprati.

” Non mi proponga il cuscino in memory perché ne ho già comprati due e li ho dovuti regalare…non fanno per me! “

Questo è quello che spesso mi sento dire da chi entra in negozio da me per acquistare un cuscino. Sperando che sia la volta buona

Ok. Dopo le brutte esperienze nei vari supermercati, visto che i dolori al collo non ci fanno più dormire, decidiamo di andare in un negozio e facciamo l’ errore opposto. Compriamo il più caro così per essere sicuri di non sbagliare ancora.

Purtroppo questa esperienza può rilevarsi ancora più frustante: abbiamo speso un mucchio di soldi e il risultato è lo stesso…continuiamo a trovarci male!! Ma Perché?

Perché tornando al secondo punto, come nello stesso identico caso del materasso, acquistare un cuscino richiede una consulenza attenta da parte di chi ce lo vende. Non c’è una laurea in “cuscinologia”…. ma venderne tanti e ascoltare il riscontro di chi ci dorme porta un venditore attento e professionale ad acquisire una certa esperienza nel dare un corretto consiglio.

Vediamo quali sono i punti che un professionista dovrebbe approfondire per dare questo consiglio:

Intanto è fondamentale conoscere il tipo di materasso che si utilizza e la posizione su cui si dorme maggiormente. Dormendo di fianco un materasso molto rigido non mi da alcuna accoglienza alla spalla e la distanza della testa dal materasso è elevata quanto la larghezza della spalla stessa. Dunque se ho le spalle molto larghe e un materasso molto rigido dovrò optare per un cuscino piuttosto alto.

La stessa persona sullo stesso materasso se dorme di pancia dovrà invece scegliere un guanciale molto più basso.

Unknown-2

Nel caso in cui dormiamo invece su un materasso ergonomico con una buona accoglienza sulla spalla, stando anche sul fianco sarà sufficiente un cuscino non troppo alto.

Detto questo parliamo della forma che il cuscino dovrebbe avere.

Generalmente la forma più consigliata, specialmente presso mercati e grossa distribuzione, è quella con la doppia onda:

t-guanciale-memory-me-mo-cervicale

Con su scritto sulla confezione anatomico, ortopedico, orto-cervicale, anti-infiammatorio, anti-tutto e chi più ne ha più ne metta.

Il mio riscontro è esattamente l’ opposto: nel 90% dei casi i cuscini con questo tipo di forma sono fra i primi a finire nell’ armadio e non essere mai più usati. La forma di questo tipo di cuscino va a caricare per forza di cose più peso sul collo creando maggior pressione in quell’ area e se hai un’ ernia o un’ infiammazione in quel punto sono dolori. Forti dolori.

Alcune persone invece ne trovano giovamento proprio perché caricando più il peso sul collo sentono maggior pressione sotto la testa.

La forma che nella maggior parte dei casi consiglio è quella classica a saponetta nell’ altezza più adatta alle proprie personali esigenze e al tipo di materasso che si utilizza.

Infine il materiale.

Sicuramente il memory foam è uno dei materiali più consigliabili per un cuscino. Meglio se una buona qualità, traspirante e possibilmente lavabile in lavatrice.

Materiali più elastici come lattice o poliuretani tendono invece a respingerci incrementando la pressione a cui facevo riferimento prima su collo e nuca.

Per ultimo: se il problema posturale è causato dal vostro materasso in quanto vecchio o scorretto non c’è cuscino che tenga. Potrà darvi un lieve beneficio ma il risultato di un riposo ottimale è dato dalla somma di tutte le parti che compongono l’ intera sistema letto: materasso, base letto, cuscino e piumino.

Per cui se avete un sistema letto vecchio 10 o più anni non state ad impazzire nella scelta del cuscino, cambiate l’ intero sistema letto abbinandoci il cuscino più adatto!

A presto!

Antonio Chimenti

“© www.materassoperfetto.com – tutti i diritti sono riservati vietata la riproduzione totale o parziale dei contenuti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *