MARCO BARONE

unnamed

Iniziamo con il primo “Consulente Perfetto”!

Titolare di diversi centri specializzati nel Bolognese di cui il principale a Castel San Pietro Terme dove opera direttamente in prima persona proponendo oltre 48 sistemi letto selezionati fra 22 produttori diversi.

Vi presento Marco Barone “Lo Specialista del Riposo” (quello originale!)

 

Ciao Marco, una brevissima presentazione di te. Chi sei, come mai hai iniziato a fare questo lavoro e da quanto tempo lo fai?

Sono un “figlio d’arte” in quanto mio padre già dal 1967 vendeva materassi! Son cresciuto “in Bottega”, ma la mia fortuna più grande è stata quando mio padre, nel 1998, mi ha lasciato carta bianca sulla gestione del negozio. Ho ampliato la sala prove, cominciandomi a guardare in giro con aziende di caratura mondiale. Già dal 98 proponevo i primi materassi schiumati ed in memory della Bultex, molle indipendenti della Simmons offrendo ai miei clienti consulenze in base alle loro esigenze…

Come sai in questo Blog cerco di dare degli spunti concreti su cui far ragionare chi si sta trovando ad affrontare l’ acquisto di un nuovo materasso ma in particolar modo su come riconoscere un buon venditore che sia per il cliente anche e soprattutto un Consulente. Secondo te quali sono le caratteristiche che differenziano un qualunque venditore da un vero Consulente che si concentra per soddisfare le reali esigenze del cliente riguardo la scelta del suo nuovo materasso?

Quello che faccio da quasi vent’anni e quello che ho insegnato ai miei ragazzi, è quello di cercare di capire di cosa ha bisogno il cliente che si trovano davanti. Fare un’infarinata generale su cosa deve fare il materasso moderno al nostro corpo, le tecnologie attualmente disponibili sui materassi ma soprattutto fare un’intervista al cliente per captare le performance che il materasso deve avere. E’ importante proporre al cliente immediatamente quello di cui ha bisogno per “accalappiare” la sua concentrazione che solitamente dopo il quarto materasso che prova viene meno. Io dico sempre che il negozio di materassi è come un’enoteca. Dopo il terzo tipo di vino si fa fatica a carpire le differenze. Da chi bisogna prendere le distanze? Dal venditore che ti fa provare troppi materassi, da quello che ti elenca solo le caratteristiche tecniche come se si fosse imparato il catalogo a memoria… ma soprattutto da quello che prima di cominciare chiede il budget a disposizione. Il consumatore che entra nei nostri negozi non ha la più pallida idea di quanto puo’ costare un materasso di qualità.

Nel tuo negozio proponi materassi prodotti da 22 aziende diverse. Io ti giuro che non riuscirei a gestirne così tante…..già mi fanno impazzire le mie 9-10 🙂 .Ma quello che ti voglio chiedere è: secondo te si riesce a garantire un miglior servizio e quindi una proposta più soddisfacente trattando alcuni prodotti di tante aziende o tutta la collezione di materassi di un solo produttore?

Io non sono sposato con nessuna azienda… io AMO alcuni prodotti delle mie aziende. Infatti da me si troveranno aziende esposte anche solo con un prodotto. Sono l’opposto di un qualsiasi monomarca in quanto reputo l’offerta data da una sola azienda sempre troppo restrittiva! Mi sono costruito la mia esposizione di 48 materassi giorno dopo giorno, anno dopo anno. Solo così riesco a garantire una forbice di prezzo molto ampia, ovviamente tralasciando prodotti economici che andrebbero ad influire sulla durata, performance, termoregolazione del materasso. Se un materasso costa poco, vale poco…non esistono miracoli!

img
Una domanda che ricevo spesso da molte persone è: come faccio a capire se è un buon materasso? Ribadendo che un buon materasso è quello che ci fa dormire bene in base alle proprie esigenze, secondo te ci sono cmq delle caratteristiche oggettive che possono aiutare le persone a capire se il materasso che stanno valutando è perlomeno non proprio una porcheria? Il prezzo è sempre un indice di qualità?

Come detto poc’anzi se il materasso costa poco, vale poco. Questa consapevolezza me la sono costruita sulla mia pelle, facendo errori di gioventù. Quando venne fuori la grande distribuzione dei materassi tutti noi negozianti siamo corsi ai ripari, cominciando a proporre anche noi, assieme ai nostri materassi d’elitè, prodotti a basso costo. Cosa è successo? Poca durata, materassi affossati, materassi troppo caldi. Adessso reputo la grande distribuzione come la migliore delle mie pubblicità! Perché? Perché dopo che le persone comprano un materasso in memory foam da 300 euro corrono da me dopo qualche mese per avere un materasso performante! Diciamo che la grande distribuzione ha fatto capire al consumatore che esistono materassi di serie A e di serie B. Come capire se è un mateasso di qualità? Affidarsi a marche blasonate che lavorano a livello nazionale da diversi anni. Solo così si ha la certezza di avere sempre le stesse materie prime di qualità, certificazioni reali e tecnologia sempre avanzata.

Assolutamente d’ accordo con te. Escluderesti a priori aziende no-name o prodotti artigianali? O pensi che si possa trovare qualcosa di valido nelle loro proposte?

Dipende da cosa s’intende per no name… Ci sono marche validissime poco (o per nulla) conosciute dal pubblico che lavorano divinamente… altre aziende con tecnologie obsolete o magari materie prime provenienti dall’est europa. Comprare un materasso così detto artigianale, vuol dire affidarsi ad assemblatori, cioè a negozi che comprano da terzisti box di molle e lastre in memory e le inseriscono all’interno di fodere che hanno comprato sempre da terzisti. Questo comporta anche a non avere le certificazioni di atossicità più importanti e soprattutto la costante qualitativa dei materiali. I terzisti non hanno tecnologie di ultima generazione in quanto investono meno denaro nell’evoluzione dei loro materiali in confronto ad aziende che esportano un po’ in tutti i paesi del mondo
Hai mai fatto cilecca? 🙂 ovviamente intendo se hai mai dato un consiglio che si è rilevato sbagliato per il tuo cliente? Come hai gestito la cosa?

E’ capitato e capiterà! Il materasso giusto non è una cosa matematica… sono situazioni che si contano sulle dita di una mano ma io e il mio staff ci prendiamo sempre le nostre responsabilità sostituendo il prodotto che non ha avuto successo. Capita che il cliente al quale abbiamo consegnato il materasso chiami dopo qualche giorno perché non si trova bene. Bisogna aspettare però almeno 30 giorni per trarre conclusioni, soprattutto su tecnologie come memory foam ad alta densità. Chiaro, se un cliente non ascolta i nostri consigli e compra il materasso che lui reputa giusto e non si trova bene , la sostituzione non viene fatta.

10426671_10154255181690352_6124334474602025117_n
Ok Marco grazie infinitamente per il tuo tempo anche da parte di tutti i frequentatori del Blog che ti leggeranno. Come promesso ti devo una bistecca 😉